Corso propedeutica musicale

Animazione, Animatore e le radici della nuova didattica musicale. Il Maestro è Francesco D’Aprea

Cos'è l'Animazione Musicale?

L'animazione Musicale è un fenomeno culturale il cui scopo da raggiungere è un nuovo modo di proporre le attività musicali.

Essa, infatti, non si pone ai fruitori sottoforma di lezione frontale o di insegnamento schematico e nozionistico, ma in un rapporto educativo ed allo stesso tempo ludico, in grado di coinvolgere gli individui, sia in gruppo, sia singolarmente, stimolando la loro espressività spontanea ed operando una graduale stimolazione dei processi cognitivi.

L'attività animativa, proprio per il suo potere di riuscire a convogliare il potenziale creativo e la forza di socializzazione, diviene uno dei mezzi per superare le differenze e l'eterogeneità dei gruppi, avendo tra i suoi molteplici scopi anche quello di non escludere le persone svantaggiate, ad esempio portatori di handicap.

Chi è l'Animatore?

L'animatore è quella persona che ha l'abilità di cogliere interessi e capacità dei singoli componenti di un gruppo e di coinvolgerli verso un "progetto ludico e attivo nel fare"; esso non è quindi solo una figura capace di trasmettere cultura, ma anche capace di crearla e di elaborarla con gli altri.

L'insegnante animatore è la figura che si pone fra le necessità (anche non espresse), di individui o di gruppi, ai quali offre strumenti di partecipazione.

Egli deve, innanzitutto, riuscire ad instaurare un rapporto positivo tra un soggetto ed un'attività a quest'ultimo sconosciuta.

L'animatore deve, inoltre, sviluppare un pensiero che gli consenta di costruire situazioni favorevoli a tutti i componenti dell'insieme.

Le qualità che un animatore deve avere sono: l'essere allegro ed allo stesso tempo, operativo; deve essere imprevedibile, entusiasmato, spensierato e capace di far godere il senso della vita a tutti.

Quali sono le finalità dell'animazione musicale?

1. Insegnare la musica.

Il significato è quello di insegnare a leggere, a scrivere ed a eseguire la musica.

La tecnica è il risultato della pratica; quest'ultima sviluppa delle regole fisse e ferree determinando così il "metodo".

Nell'insegnamento della musica, attraverso l'animazione, il metodo (insegnamento rigido) decade, adattandosi alle esigenze di ogni singolo individuo e raggiungendo l'obiettivo prefisso senza chiedere al fruitore di adattarsi alle regole, spesso selettive e non da tutti applicabili al primo momento.

Il presupposto per poter uscire da tale metodologia è la creatività che si attiva attraverso l'operatività, l'improvvisazione e la libera espressione.

Il percorso da seguire è sempre quello che parte dalla pratica ed arriva a far capire e ad insegnare la tecnica; tali attività devono essere mirate al fine di creare nell'individuo delle situazioni di interesse che lo porteranno alla ricerca del sistema.

2. Educare alla musica.

Educare alla musica significa far capire il linguaggio, i ritmi, il tempo, la melodia, l'armonia, facendo apprezzare tutti gli elementi della musica per quello che sono, senza creare un senso critico, nelle persone che ascoltano, educando allo stesso tempo, attraverso semplici azioni espressive, l'orecchio, la voce, il senso ritmico e dando agli individui i mezzi per un giusto coordinamento delle azioni con gli strumenti.

L'educazione dell'orecchio ha lo scopo di abituarlo a riconoscere, non solo le note musicali, ma tutto ciò che può essere classificato suono, andando ad approfondire le varie sezioni: timbrica, melodica, armonica e ritmica.

L'educazione della voce vuole scoprire tutte le capacità dell'apparato stesso, imparando a dominarlo per poi riuscire ad utilizzarlo, producendo tutti i suoni possibili.

Far conoscere il ritmo significa acquisire la capacità di gestire le scansioni spazio-temporali distribuite nel tempo, sia attraverso l'apparato motorio che non; ed attraverso tutti questi elementi elaborare eventi sonori anche con l'aiuto di strumentini, anch'essi analizzati e magari ricostruiti dal punto di vista storico e poi materiale.

Altro punto molto importante è l'ascolto; con questo non si intende solo l'ascoltare la musica, a livello uditivo e superficiale ma, riuscire ad acquisire dei criteri e delle abitudini che permettono di capire, parlare, inventare testi, gesti, grafici, azioni ed anche musica; in parole povere, le musiche esistenti devono diventare stimoli e modelli per la creatività.

3. Educare con la musica.

Educare con la musica significa usare la musica come mezzo per la socializzazione, per superare particolari situazioni di egocentrismo o di emotività, da parte di componenti di un gruppo o di una classe di bambini.

Mezzo per apprendere, perché con lo sviluppo di giochi ed esercizi si ha la possibilità di insegnare e far conoscere usi e costumi di vari popoli, mezzi espressivi collettivi diversi, inoltre, strumento per aumentare la creatività degli individui.

4. Far terapia con la musica.

Far terapia con la musica significa stabilire un contatto, tra l'educatore e soggetti, con una condizione psicologica non normale, attivando e sbloccando in loro, con la musicoterapia e l'animazione musicale, tutte quelle vie di comunicazione che servono proprio come filo conduttore con il mondo che sta attorno, riuscendo con interventi specifici, ad agire su qualche punto non sviluppato della persona, cercando di migliorare così il suo tenore di vita.

Si utilizzeranno tutti gli aspetti fondamentali del metodo G.Bianchi, con agganci a tecniche mimico-gestuali e grafico-pittoriche. Si terrà conto delle acquisizioni ambientali, di quelle maturate nei corsi precedenti e si procederà con gradualità attraversi giochi mirati e piacevoli allo sviluppo delle capacità di apprendimento e di espressione in maniera globale e creativa.

Il materiale utilizzato per tutto il  periodo del corso sarà uno strumentario ritmico-melodico che potrà essere arricchito secondo le esigenze e i progressi del gruppo del gruppo, comprendente tamburelli, piatti, legnetti, maracas, melodiche, flauti ecc.

 

Date

23 Gennaio 2015

Project

Corso propedeutica musicale

Categories

Propedeutica musicale
Corso propedeutica musicale